Sab11012014

Ultimo aggiornamentoLun, 25 Nov 2030 5pm

Back Sei qui: Home Diritto del Lavoro Giurisprudenza Ammessa al rientro dalla Cig l'assegnazione del lavoratore a mansioni inferiori

Ammessa al rientro dalla Cig l'assegnazione del lavoratore a mansioni inferiori

Misura valida se unica alternativa al licenziamento Legittima l'assegnazione a mansioni inferiori del lavoratore che rientra da un periodo di cassa integrazione se è l'unica strada per evitare il licenziamento. La disponibilità del dipendente alla continuazione del rapporto secondo le nuove condizioni, necessaria per la validità dell'operazione, può essere desunta anche dalla mancata reazione immediata al trasferimento al nuovo incarico.

Lo ha affermato la sezione lavoro della Cassazione con la sentenza n. 23926 del 25 novembre secondo la quale "il cosiddetto patto di dequalificazione, quale unico mezzo per conservare il posto di lavoro, costituisce non già una deroga all'art. 2103 del c.c., norma diretta alla regolamentazione dello ius variandi del datore di lavoro e, come tale, inderogabile secondo l'espresso disposto del comma secondo dello stesso articolo, bensì un adeguamento del contratto alla nuova situazione di fatto, sorretto dal consenso e dall'interesse del lavoratore; pertanto la validità del patto presuppone l'impossibilità sopravvenuta di assegnare mansioni equivalenti alle ultime esercitate e la manifestazione - sia pure in forma tacita - della disponibilità del lavoratore ad accettarle".